- Coro Voci Bianche Colli Fiorentini

Vai ai contenuti

Menu principale:

Associazione

STATUTO
Art. 1 E' costituita l'Associazione "Coro Voci Bianche Colli Fiorentini" in forma di Associazione non riconosciuta.
Art. 2 L'associazione è apolitica e senza scopo di lucro ed ha per scopo la promozione, la pratica, lo sviluppo e la diffusione di attività culturali nel campo musicale, intese come mezzo di solidarietà sociale per la formazione psichica e morale dei soci, mediante la promozione di ogni forma di attività atta all'espletamento dei proponimenti sociali.
Art. 3 L'Associazione ha sede in Certaldo, Loc. Marcialla 225, 50052 (FI)

DEI SOCI
Art. 4 I soci si dividono in effettivi ed aderenti. La richiesta di associazione presuppone la conoscenza e la accettazione del presente Statuto. Tutti sono tenuti al versamento di una quota associativa, la cui entità e le cui modalità di pagamento vengono deliberate annualmente dal Consiglio Direttivo.
Art. 5 I soci effettivi hanno i poteri e le responsabilità sociali, costituiscono le Assemblee ordinarie e straordinarie della Associazione e godono dell'elettorato attivo e passivo.
Art. 6 Appartengono alla categoria dei soci aderenti tutti i partecipanti a qualsiasi titolo all'attività dell'Associazione, qualora non siano già soci effettivi. I soci aderenti godono del solo elettorato attivo.
Art. 7 L'ammissione a socio viene deliberata, inappellabilmente, e senza obbligo di motivazione dal Consiglio Direttivo.
Art. 8 In caso di domande di ammissione a socio presentate da minorenni le stesse dovranno essere controfirmate dall'esercente la patria potestà parentale.
Art. 9 La qualifica di socio dà il diritto di partecipare all'attività del coro, secondo le modalità stabilite nell'apposito regolamento.
Art. 10 Il Socio che commetta, entro o fuori dall'Associazione, azioni ritenute disonorevoli, o che con la sua condotta costituisca ostacolo al buon andamento del sodalizio, può venire proposto per l'espulsione.

DEGLI ORGANI SOCIALI
Art. 11 Gli organi sociali sono: 1) l'Assemblea 2) Il Presidente 3) il Consiglio Direttivo 4) il Segretario

DELL'ASSEMBLEA
Art. 12 Le assemblee sono ordinarie e straordinarie.
Art. 13 La convocazione dell'Assemblea ordinaria avverrà normalmente entro il 30 marzo di ciascun anno per l'approvazione, in particolare, del bilancio o rendiconto consuntivo dell'anno precedente e del bilancio di previsione per l'anno in corso.
Art. 14 La convocazione dell'Assemblea oltre che dal Presidente e dal Consiglio Direttivo, potrà essere richiesta dalla metà più uno dei soci effettivi che potranno proporre l'Ordine del Giorno. In tal caso l'Assemblea dovrà essere convocata entro trenta giorni.
Art. 15 L'Assemblea dovrà essere convocata mediante affissione di apposito avviso all'albo della Associazione almeno 8 giorni prima della data di convocazione.
Art. 16 Potranno prender parte alle assemblee ordinarie e straordinarie dell'Associazione i soli soci in regola con il versamento della quota sociale. Nessun socio potrà essere rappresentato da altri in Assemblea.
Art. 17 Tanto l'Assemblea ordinaria che quella straordinaria saranno valide con la presenza della maggioranza dei soci. Le stesse si riterranno altresì validamente costituite in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti.
Art. 18 Eventuali modifiche del presente statuto potranno essere discusse e deliberate solo dall'Assemblea straordinaria e solo se poste all'ordine del giorno. Per tali deliberazioni inoltre occorrerà il voto favorevole di almeno 4/5 dei votanti, i quali rappresentino almeno la metà più uno dei soci.
Art. 19 L'Assemblea ordinaria elegge il Consiglio Direttivo e i Revisori dei Conti.

DEL CONSIGLIO DIRETTIVO
1Art. 20 Il Consiglio Direttivo è composto da 5 membri (più il Direttore artistico) e nel proprio ambito elegge il Presidente. Nomina anche il Segretario ed il Tesoriere anche fuori del proprio ambito. Tutti gli incarichi sociali si intendono esercitati a titolo gratuito. Il Consiglio Direttivo rimane in carica 3 anni e i suoi componenti sono rieleggibili. Le deliberazioni verranno adottate a maggioranza semplice.
Art. 21 In caso di dimissioni di un Consigliere subentrerà il primo dei non eletti.
Art. 22 Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o lo richieda la maggioranza degli altri consiglieri, senza formalità.
Art. 23 Sono compiti del Consiglio Direttivo: a) deliberare sulla ammissione dei soci; b) proporre all'Assemblea l'esclusione dei soci morosi e per indegnità, in conformità a quanto stabilito dall'art. 4 e 10 del presente statuto; c) assumere le deliberazioni in merito al comportamento dei soci durante l'attività sociale; d) approvare il bilancio preventivo e il bilancio o rendiconto consuntivo da sottoporre all'Assemblea e deliberare l'entità delle quote associative annue; e) stabilire le date delle Assemblee ordinarie dei soci da indire almeno una volta all'anno e convocare l'Assemblea straordinaria qualora lo reputi necessario o venga richiesto dai soci: f) redigere i regolamenti per l'attività sociale; g) adottare tutti gli eventuali provvedimenti disciplinari che si dovessero rendere necessari; h) nominare il Direttore artistico o il Direttore del Coro; i) curare l'ordinaria amministrazione e, con esclusione dei compiti espressamente attribuiti all'Assemblea dal presente statuto, la straordinaria amministrazione.
Art. 24 Il Consiglio Direttivo risponde in solido del buon andamento dell'Associazione sia sul piano morale che su quello finanziario, anche in deroga dell'art. 38 del Codice Civile.

DEL PRESIDENTE
Art. 25 Il Presidente, per delega del Consiglio Direttivo, dirige l'Associazione e ne è il rappresentante in ogni evenienza.

DEL SEGRETARIO
Art. 26 Il Segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, redige e conserva i verbali delle riunioni.

DEL TESORIERE
Art. 27 Il Tesoriere cura l'amministrazione dell'Associazione; si incarica della riscossione delle entrate e della tenuta dei libri sociali contabili, di quelli fiscali se previsti, redige il bilancio di previsione e il bilancio o rendiconto consuntivo e provvede alla conservazione delle proprietà dell'Associazione ed alle spese, da pagarsi su mandato del Consiglio Direttivo.

DEL DIRETTORE ARTISTICO
Art. 28 Il Direttore Artistico o Direttore del Coro attua i programmi musicali decisi dal Consiglio Direttivo alle sedute del quale partecipa in funzione di consulente con diritto di voto.

DEL PATRIMONIO
Art. 29 Il patrimonio sociale è costituito - da beni mobili e immobili che gli pervengano a qualsiasi titolo; - da eventuali erogazioni, donazioni e lasciti

DELLE ENTRATE
Art. 30 Le entrate della associazione sono costituite da: a) dalle quote associative annuali che si intendono intrasmissibili e non rivalutabili; b) da contributi o elargizioni a titolo di liberalità che potranno pervenire da Privati, Enti Pubblici territoriali (Comune, Provincia, Regione), e da organizzazioni regionali e nazionale alle quali l'Associazione eventualmente aderisse; c) rendite del suo patrimonio. E' fatto divieto di distribuzione, anche in modo indiretto, di eventuali utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione, salvo che non sia disposto diversamente dalla legge. In caso di scioglimento della associazione, per qualunque causa, il patrimonio sarà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità. L'Associazione ha l'obbligo di redigere un rendiconto annuale. Gli utili o avanzi di gestione dovranno essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse. L'esercizio sociale va dal l gennaio al 3l dicembre di ogni anno.

DISPOSIZIONI DIVERSE
Art. 31 La durata dell'Associazione è illimitata.
Art. 32 Per tutto quanto non previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle norme del Codice Civile e alle leggi che disciplinano le associazioni non riconosciute.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu